"A casa non s'arriva mai, ma dove confluiscono vie amiche, il mondo per un istante sembra casa nostra" (H.Hesse)

lunedì 18 maggio 2015

Il pane furbissimo e veloce dell’Arabafelice – Panini di Kamut ai semi di lino


È stato amore a prima vista.
Totale e incondizionato.
Adorazione sfrenata, desiderio impellente di provare.
Una serie di magici divieti ad alimentare il sacro fuoco della passione:
non impastare
non usare quelle robe complicate e necessitanti di cure continue come il lievito madre, nel mio caso peraltro, già opportunamente accoppato a suo tempo.
Non guardarlo.
Non considerarlo.
In pratica: dimenticarsene proprio.
Buttare tutti gli ingredienti in una ciotolona, amalgamare appena con una forchetta, giusto per non fargli fare proprio tutto da solo, poi coprire e lasciare lì dedicandosi a tutt’altro.
Uscire, fare bricolage, potare la siepe, passarsi lo smalto sulle unghie, leggere un libro, scrivere poemi.
Tutto: fuorché pensare al pane.
E pure quando risalterà in mente di avere, per l’appunto, un pane da cuocere e si tratterà di trasbordarlo dalla ciotola al forno, ma non se ne avrà voglia alcuna, mettersi tranquilli, che tanto non ci sarà bisogno di sbattersi a impastare e creare forme.
Basterà rovesciare tutto su un piano, tagliare approssimativamente e senza troppi riguardi il composto in vari pezzi, quindi schiaffare i futuri panini direttamente in teglia.
Unico sforzo cospicuo (ma assolutamente facoltativo, seppur vivamente consigliato, a posteriori): far scendere sui miserelli una pioggia di semini a scelta.
Fine della storia.
Fatica pari a zero, livello di impegno bassissimo, risultato fantastico.
Ed esce questo pane buonissimo.
Morbido, fragrante, con una crosticina deliziosa e quei semini meravigliosi a completare il tutto.
Il massimo per una come me che già all’idea di rinfrescare, pensare a come impiegare l’esubero, predisporre, impastare, sperare, pregare a mani giunte, abbandona in partenza e ripiega sulle gallette di riso.
Frettolosa, impaziente, curiosa da morire.
Lui autonomo, indipendente, pieno di iniziativa e prodigo di sorprese.
Io e questo pane velocissimo siamo fatti proprio l’uno per l’altra.
E se per caso poi curiose lo foste anche voi, provate ad assaggiare i panini appena tirati fuori dal forno….
Grazie Stefania, grata a vita!

@@@@@@@@@@@


Ho provato la versione con il grano khorasan per la mia dieta che vieta il frumento. Con qualche perplessità all’inizio, perché non sapevo che resa avrebbe avuto.
A posteriori posso dire che:
- il composto iniziale non raddoppia di volume, ma cresce solo un po’. Non so se questo dipende dal tipo di farina o dalla giornata particolarmente umida e fresca.
- Per vederlo aumentato non è stata sufficiente un’ora e mezza ma ce ne sono volute 3.
- nel mio forno per la cottura sono bastati 20 minuti scarsi, ma come spiega Stefania, questo dipende dalla grandezza dei pezzi.
- i panini si conservano molto bene anche per il giorno successivo se chiusi bene in un sacchetto di carta.


Qua la ricetta originale, che riporto di seguito per comodità con le mie piccole variazioni.

Ingredienti (per circa 8 panini)

500 gr di farina di Kamut
375 ml di acqua
2 cucchiaini rasi di lievito di birra disidratato
2 cucchiaini rasi di sale
1 cucchiaino di miele
1 manciata di semi di lino

Procedimento
Mettere farina, lievito, sale e miele in una ciotola e a mano a mano aggiungere l'acqua mescolando con una forchetta per amalgamare, ma senza impastare.
Coprire la ciotola con pellicola e lasciare riposare finché non raddoppia di volume (o comunque cresce almeno un po').
Ci vorranno almeno un paio d'ore.
Trascorso questo tempo, predisporre un foglio di carta forno cosparso di farina e rovesciarvi sopra il composto cercando di non sgonfiarlo troppo.
Tagliarlo sommariamente in 8 pezzi (io ho staccato direttamente con le mani senza nemmeno utilizzare il coltello e sempre SENZA IMPASTARE, adagiare ciascun pezzo su una teglia ricoperta di carta forno.

Completare ogni panino con una manciata di semi di lino e infornare a 230° in forno preriscaldato per circa 20-30 minuti, secondo il forno.






14 commenti:

  1. Mi hai fatto morire dal ridere, specie con la storia dell'estrema fatica di spolverizzarli con i semini :D
    A vita addirittura???? grazie a te, piuttosto, sono splendidi!

    RispondiElimina
  2. Ma io ti adooooorooooooooo....mi sono rivista un sacco nella tua descrizione....ti dico solo che la prima e ultima volta che ho provato a fare la pizza col lievito madre alla terza ora di lavorazione è finito dritto nella spazzatura e ho finito per rivalutare le 10 € per andarla a comprare bella e pronta hihihihi. Cmq complimenti proverò subitissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora questo è proprio il pane che fa per te: provalo e ci sapremo ridire!! Un bacione grazie della visita!

      Elimina
  3. Un pane strafurbissimo.. veloce.. senza impasto.. senza fatica (o forse si.. l'aggiunta dei semini è stato uno sforzo assurdo!!!! ahahaha).. ma ottimo!!!! smack e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahma menomnale che tanto i semi sono facoltativi!!!
      Bacioni, buon fine settimana a te!

      Elimina
  4. Direi che questo amore è molto contagioso :-) Mi sa che mi lascio trascinare..

    RispondiElimina
  5. questi scatti in primo piano hanno convinto anche me,oggi qui piove magari mi metto a panificare un po'..bacini e a presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se ti sono piaciuti!! Bacini a te, buon we

      Elimina
  6. Conosco questi ghiotti panini... complimenti sono molto invitanti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo speedy, sono eccezionali!! Grazie della visita, buon fine settimana

      Elimina
  7. Stefania è una certezza di quelle poche che si possono avere nella vita. Io la adoro e vedo che non sono la sola.

    RispondiElimina
  8. Ciao cara, piacere di ritrovarti...se prima giravo poco e commentavo meno, adesso per nulla, anche se ho deciso di ripartire con il blog....dove sicuramente prima o poi metterò' anche io questi panini splendidi e starvelci, perdetti nella tua variante!

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un segno del tuo passaggio, sarò felice di risponderti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...